ΘΕΟΚΡΙΤΟΥ ΚΥΚΛΩΨ IL CICLOPE INNAMORATO: TEOCRITO, IDILLIO XI







IL CICLOPE INNAMORATO: TEOCRITO, IDILLIO XI




Uno dei più belli Idilli del poeta ellenistico Teocrito (300 a.C. ca. -260 ca.) è sicuramente l'undicesimo. Il componimento, infatti, risulta molto interessante soprattutto nell'ottica di un percorso didattico che, partendo dalle note pagine dell'Odissea omerica (canto IX), dedicate alla narrazione dell'episodio del Ciclope Polifemo, possa mostrare agli allievi come una delle figure più celebri della mitologia greca sia stata raffigurata in modi diversi dai poeti greci. In effetti, la distanza che separa la celebre immagine omerica di Polifemo (creatura empia, mostruosa e selvaggia: “un uomo vestito di poderoso vigore, selvaggio, ignaro di giustizia e di leggi” cfr. Odissea, IX vv. 214-215), dalla figura tratteggiata da Teocrito è notevole: si passa dal crudele e sanguinario mostro ad un povero innamorato non ricambiato che, per dimenticare le pene amorose, si dedica alla poesia (va ricordato che anche nell'Idillio VI Teocrito aveva parlato del Ciclope innamorato). Questa riproposizione della tradizione, del resto, è un'ottima testimonianza di una delle caratteristiche peculiari dell'età ellenistica, ossia la tendenza, da parte dei poeti, di andare a cercare varianti del mito meno note, più dotte e meno trattate dalla poesia greca classica (si pensi, solo per citare un esempio, all'Ecale di Callimaco). Va osservato, tuttavia, che già in Omero la figura del Ciclope aveva alcuni tratti contraddittori (Polifemo non è soltanto un sanguinario divoratore di carni umane, ma è anche un attento ed affettuoso pastore) che possono spiegare una rielaborazione di questo tipo. Si pensi, ad esempio, alla scena in cui il povero Ciclope, ingannato dall'astuzia di Odisseo, si rivolge in questi termini al suo montone:



«Caro montone, perché così m'esci dall'antro
per ultimo? Di solito tu non vai dietro alle pecore,
ma primissimo pasci i teneri fiori dell'erba,
a gran balzi, per primo raggiungi le correnti dei fiumi,
per primo alla stalla vuoi tornare impaziente
a sera; e adesso sei l'ultimo. Forse del tuo padrone
piangi l'occhio, che un malvagio accecò
coi suoi tristi compagni, vinta la mia mente col vino,
Nessuno, il quale non credo che scamperà dalla morte.
Oh! se avessi intelletto, se diventassi parlante,
da dirmi dove colui si ripara dalla mia furia:
allora il suo cervello schizzerebbe qua e là per l'antro,
in terra, dalla testa spaccata; sollievo il mio cuore
avrebbe dalle torture, che questo Nessuno da nulla m'ha inflitto»
(Odissea, IX, vv.447-460)



In questa scena (citata da Cicerone in un passo delle Tusculanae 39, 114 all'interno di una discussione filosofica mirante a dimostrare che per il sapiente la sordità e la cecità non sono mali. Secondo Cicerone, in sostanza, Polifemo non è impazzito in seguito all'accecamento — ed è impazzito davvero se si lamenta con un montone! — dal momento che già prima di essere stata accecata la creatura era folle!) Omero ha saputo rappresentare due opposte caratteristiche del carattere del Ciclope: la spietata crudeltà ed allo stesso tempo la benevolenza e la cura per il suo gregge. Il Ciclope, infatti, sa essere spietato e sanguinario (e blasfemo: “non si danno pensiero di Zeus egìoco i Ciclopi né dei numi beati, perché siam più forti” cf. IX, vv. 275-276) nei confronti degli uomini e dolce (un “agnellino”) nei confronti dei suoi animali.


Tornando alle varie riprese letterarie della figura del Ciclope si ricordi, ad esempio, il dramma satiresco di Euripide Il Ciclope ed un famoso ditirambo di Filosseno di Citera (435/434a. C.-380/379) dedicato proprio all'infelice amore del Ciclope per Galatèa (una ninfa marina figlia del dio Nèreo. Cfr. Esiodo, Teogonia, 250).
L'elemento più significativo del carme di Teocrito, che probabilmente è stato influenzato dal ditirambo di Filosseno, (si ricordi che l'Idillio è dedicato a Nicia, medico di Mileto che era amico di Teocrito e si dedicava alla poesia. Cf. vv. 5-6), oltre alla concezione della poesia come remedium amoris, è la descrizione del contrasto, non privo di ironia, fra la bruttezza fisica e la sensibilità spirituale del Ciclope (cf. vv. 30 segg), tematica che noi troviamo ben rappresentata nella famosa leggenda di Saffo innamorata di Faone e non ricambiata dal giovane per la sua nota bruttezza fisica.
Ecco il testo greco, composto in dialetto dorico (ho sottolineato alcune forme doriche), con una mia traduzione italiana:

ΚΥΚΛΩΨ

Οὐδὲν πὸτ τὸν ἔρωτα πεφύκει φάρμακον ἄλλο,

Νικία, οὔτ᾽ ἔγχριστον, ἐμὶν δοκεῖ, οὔτ᾽ ἐπίπαστον,

ταὶ Πιερίδες· κοῦφον δέ τι τοῦτο καὶ ἁδύ
γίνετ᾽ ἐπ᾽ ἀνθρώποις, εὑρεῖν δ᾽ οὐ ῥᾴδιόν ἐστι.
Γινώσκειν δ᾽ οἶμαί τυ καλῶς, ἰατρὸν ἐόντα


καὶ ταῖς ἐννέα δὴ πεφιλημένον ἔξοχα Μοίσαις.

Οὕτω γοῦν ῥάϊστα διᾶγ᾽ ὁ Κύκλωψ ὁ παρ᾽ ἁμῖν,

ὡρχαῖος Πολύφαμος, ὅκ᾽ ἤρατο τᾶς Γαλατείας,
ἄρτι γενειάσδων περὶ τὸ στόμα τὼς κροτάφως τε.

10 Ἤρατο δ᾽ οὐ μάλοις οὐδὲ ῥόδῳ οὐδὲ κικίννοις,

ἀλλ᾽ ὀρθαῖς μανίαις, ἁγεῖτο δὲ πάντα πάρεργα.

Πολλάκι ταὶ ὄϊες ποτὶ τωὐλίον αὐταὶ ἀπῆνθον

χλωρᾶς ἐκ βοτάνας· ὃ δὲ τᾷ Γαλατείᾳ ἀείδων
αὐτόθ᾽ ἐπ᾽ ἀϊόνος κατετάκετο φυκιοέσσας

15 ἐξ ἀοῦς, ἔχθιστον ἔχων ὑποκάρδιον ἕλκος,

Κύπριδος ἐκ μεγάλας τό οἱ ἥπατι πᾶξε βέλεμνον.

Ἀλλὰ τὸ φάρμακον εὗρε, καθεζόμενος δ᾽ ἐπὶ πέτρας

ὑψηλᾶς ἐς πόντον ὁρῶν ἄειδε τοιαῦτα·




λευκὰ Γαλάτεια, τί τὸν φιλέοντ᾽ ἀποβάλλῃ,
20 λευκοτέρα πακτᾶς ποτιδεῖν, ἁπαλωτέρα ἀρνός,
μόσχω γαυροτέρα, φιαρωτέρα ὄμφακος ὠμᾶς,
φοιτῇς δ᾽ αὖθ᾽ οὔτως ὅκκα γλυκὺς ὕπνος ἔχῃ με,
οἴχῃ δ᾽ εὐθὺς
ἰοῖσ᾽ ὅκκα γλυκὺς ὕπνος ἀνῇ με,
φεύγεις δ᾽ ὥσπερ ὄϊς πολιὸν λύκον ἀθρήσασα
;
25ράσθην μὲν ἔγωγε τεοῦς, κόρα, ἁνίκα πρᾶτον
ἦνθες ἐμᾷ σὺν ματρὶ θέλοισ᾽ ὑακίνθινα φύλλα
ἔξ ὄρεος δρέψασθαι, ἐγὼ δ᾽ ὁδὸν ἁγεμόνευον.
Παύσασθαι δ᾽, ἐσιδών
τυ καὶ ὕστερον, οὐδέ τί πᾳ νῦν ἐκ τήνω δύναμαι· τὶν δ᾽ οὐ μέλει, οὐ μὰ Δί᾽, οὐδὲν.
30 Γινώσκω, χαρίεσσα κόρα, τίνος οὕνεκα φεύγεις·
οὕνεκά μοι λασία μὲν ὀφρὺς ἐπὶ παντὶ μετώπῳ
ἐξ ὠτὸς τέταται
ποτὶ θὥτερον ὦς μία μακρά,
εἷς δ᾽ ὀφθαλμος ἔπεστι, πλατεῖα δὲ ῥὶς ἐπὶ χείλει.
Ἀλλ᾽ ωὑτὸς τοιοῦτος ἐὼν βοτὰ χίλια βόσκω,
35 κἠκ τούτων τὸ κράτιστον ἀμελγόμενος γάλα πίνω
τυρὸς δ᾽ οὐ λείπει μ᾽ οὔτ᾽ ἐν θέρει οὔτ᾽ ἐν ὀπώρᾳ,
οὐ χειμῶνος
ἄκρω· ταρσοὶ δ᾽ ὑπεραχθέες αἰεί. Συρίσδεν δ᾽ ὡς οὔτις ἐπίσταμαι ὧδε Κυκλώπων,
τίν τε, φίλον γλυκύμαλον, ἀμᾷ κἠμαυτῷ ἀείδων
40 πολλάκι νυκτὸς ἀωρί. Τρέφω δέ τοι ἕνδεκα νεβρώς,
πάσας μηνοφόρως, καὶ σκύμνως τέσσαρας ἄρκτων.
Ἀλλ᾽ ἀφίκευσο ποθ᾽ ἁμέ, καὶ ἑξεῖς οὐδὲν ἔλασσον,
τὰν γλαυκὰν δὲ θάλασσαν ἔα ποτὶ χέρσον ὀρεχθεῖν·
ἅδιον ἐν τὤντρῳ παρ᾽
ἐμὶν τὰν νύκτα διαξεῖς.
45 ντὶ δάφναι τηνεί, ἐντὶ ῥαδιναὶ κυπάρισσοι,
ἔστι μέλας κισσός, ἔστ᾽ ἄμπελος ὁ γλυκύκαρπος, ἔστι ψυχρὸν ὕδωρ, τό μοι ἁ πολυδένδρεος Αἴτνα λευκᾶς ἐκ χιόνος ποτὸν ἁμβρόσιον προΐητι. Τίς κα τῶνδε θάλασσαν ἔχειν καὶ κύμαθ᾽ ἕλοιτο;
50 Αἰ δέ τοι αὐτὸς ἐγὼν δοκέω λασιώτερος ἦμεν,
ἐντὶ δρυὸς ξύλα μοι καὶ ὑπὸ σποδῷ ἀκάματον πῦρ·
καιόμενος δ᾽ ὑπὸ
τεῦς καὶ τὰν ψυχὰν ἀνεχοίμαν
καὶ τὸν ἕν᾽ ὀφθαλμόν,
τῶ μοι γλυκερώτερον οὐδὲν.
μοι, ὅτ᾽ οὐκ ἐτεκέ μ᾽ ἁ μάτηρ βράγχι᾽ ἔχοντα,
55 ὡς κατέδυν ποτὶ τὶν καὶ τὰν χέρα τεῦς ἐφίλησα,
αἰ μὴ τὸ στόμα λῇς, ἔφερον δέ τοι ἢ κρίνα λευκά
ἢ μάκων᾽ ἁπαλὰν ἐρυθρὰ πλαταγώνι᾽
ἔχοισαν·
ἀλλὰ τὰ μὲν θέρεος, τὰ δὲ γίνεται ἐν χειμῶνι,
ὥστ᾽ οὔ κά τοι ταῦτα φέρειν ἅμα πάντ᾽ ἐδυνάθην.
60 Νῦν μάν, ὦ κόριον, νῦν αὐτίκα νεῖν γε μαθεῦμαι,
αἴ κά τις σὺν ναῒ πλέων ξένος ὧδ᾽ ἀφίκηται,
ὧς εἰδῶ τί ποθ᾽ ἡδὺ κατοικεῖν τὸν βυθὸν ὔμμιν,
ξένθοις, Γαλάτεια, καὶ ἐξενθοῖσα λάθοιο,
ὥσπερ ἐγὼ νῦν ὧδε καθήμενος, οἴκαδ᾽ ἀπενθεῖν·
65 ποιμαίνειν δ᾽ ἐθέλοις σὺν ἐμὶν ἅμα καὶ γάλ᾽ ἀμέλγειν
καὶ τυρὸν πᾶξαι τάμισον δριμεῖαν ἐνεῖσα.
μάτηρ ἀδικεῖ με μόνα, καὶ μέμφομαι αὐτᾷ·
οὐδὲν πήποχ᾽ ὅλως
ποτὶ τὶν φίλον εἶπεν ὑπέρ μευ,
καὶ ταῦθ᾽
ἆμαρ ἐπ᾽ ἆμαρ ὁρεῦσά με λεπτὸν ἐόντα.
70 Φασῶ τὰν κεφαλὰν καὶ τὼς πόδας ἀμφοτέρως μευ
σφύζειν, ὧς ἀνιαθῇ, ἐπεὶ κἠγὼν ἀνιῶμαι.
Κύκλωψ Κύκλωψ, πᾷ τὰς φρένας ἐκπεπότασαι;
Αἴκ᾽ ἐνθὼν ταλάρως τε πλέκοις καὶ θαλλὸν ἀμάσας
ταῖς ἄρνεσσι φέροις, τάχα κα πολὺ μᾶλλον ἔχοις νῶν.
Τὰν παρεοῖσαν ἄμελγε· τί τὸν φεύγοντα διῴκεις;
Εὑρησεῖς Γαλάτειαν ἴσως καὶ καλλίον᾽ ἄλλαν.
Πολλαὶ
συμπαίσδεν με κόραι τὰν νύκτα κέλονται,
κιχλίζοντι δὲ πᾶσαι, ἐπεί κ᾽ αὐταῖς ἐπακούσω.
Δῆλον ὅτ᾽ ἐν ταῖ γαῖ κἠγών τις φαίνομαι ἦμεν.
Οὕτω τοι Πολύφαμος ἐποίμαινεν τὸν ἔρωτα
μουσίσδων, ῥᾷον δὲ διᾶγ᾽ εἰ χρυσὸν ἔδωκεν.



Il Ciclope


O Nicia, secondo me, contro l'amore non c'è altro rimedio, né unguento né medicamento, se non le Muse della Pièria: leggero e dolce per gli uomini questo farmaco, ma non lo si trova facilmente. Tu dovresti conoscerlo bene, dato che dalle nove Muse sei così tanto amato! Così certamente se la passava il nostro conterraneo, l'antico Polifemo, quando era innamorato di Galatèa e gli spuntava la barba attorno alla bocca ed alle tempie. Amava non con le mele, con la rosa ed i riccioli, ma in seguito ad impulsi passionali autentici. Tutto il resto non contava per lui. Molte volte le sue pecore se ne tornavano tutte sole alla stalla dal verde pascolo. E lui, intanto, cantando Galatèa sulla spiaggia piena di alghe, si struggeva dall'alba. Aveva nel cuore una ferita dolorosissima, poiché una freccia proveniente dalla grande Afrodite gli aveva trapassato il cuore. Eppure Polifemo trovò un farmaco. Standosene seduto su una roccia alta, rivolto lo sguardo verso il mare, così cantava:



«O bianca Galatèa, perché respingi chi ti ama?
Più bianca a vedersi del latte coagulato, più tenera di un agnello,
più allegra di un vitello, più lucente dell'uva acerba.
Mi passi qui così, quando il dolce sonno si impadronisce di me,
e te ne vai non appena il sonno dolce mi abbandona,
scappi via come la pecora che ha visto il lupo grigio?
Mi innamorai di te, fanciulla, nel momento in cui
venisti con mia madre a cogliere i giacinti dal monte
ed io vi facevo strada. Ti vidi anche in seguito, ma
smettere di amarti non posso da allora. A te
non interessa nulla, no in nome di Dio!
Ma io, amata fanciulla, so bene la ragione per cui mi eviti:
è tutto perché ho un solo lungo sopracciglio peloso
su tutta la fronte, da un orecchio all'altro,
e sotto un solo occhio, e un naso largo quanto un labbro.
            Eppure così son fatto, ma possiedo innumerevoli agnelli
            che mi producono il migliore latte che esista!
Di formaggio ne ho sempre in abbondanza, d'estate, in autunno
e nel pieno dell'inverno. Quanto ai miei graticci sono sempre ricolmi!
Come nessuno fra i Ciclopi so suonare la zampogna
e per te io canto, dolce come una mela, e per me stesso allo stesso
tempo, in piena notte. Per te io allevo undici cerbiatte
tutte con la luna in fronte, e quattro orsacchiotti.
Forza, vieni da me, non ci perderai a stare insieme a me
e lascia che il mare vada ad infrangersi sulla spiaggia.
Con me passerai più dolcemente la notte nell'antro.
Vi sono laggiù allori, snelli cipressi,
l'edera scura, l'uva dal doce frutto
ed acqua fresca, bevanda divinas che l'Etna ricolmo di alberi
per me dalla sua bianca neve fa scorrere.
Chi mai preferirebbe a ciò il mare ed i flutti?
Se ti sembro essere troppo peloso,
ma io ho legna di quercia e fuoco che mai si estingue.
Sopporterei di essere bruciato da te anche nell'anima
e pure il solo occhio che ho e che mi è dolce più di ogni altra cosa.
Ahimé, magari mia madre mi avesse generato con le branchie!
Così potrei tuffarmi da te e baciare la tua mano,
se non vuoi che ti bacio la bocca, e portarti gigli bianchi
o papaveri teneri dai rossi petali.
Ma gli uni nascono in estate, gli altri in inverno
sicché non potrei portarteli tutti insieme.
Ma ora, tesoro, adesso, subito, imparerò a nuotare,
se mai qui un navigante straniero con una nave giungesse,
così da capire la ragione per cui vi è dolce abitare negli abissi.
Se tu potessi uscire dal mare, Galatèa, ed una volta uscita ti scordassi
di ritornare nel mare, come ora io faccio qui seduto!
Se ti piacesse condurre il gregge insieme a me e mungere il latte,
e fare del formaggio con l'acido caglio.
Ma è con mia madre che sono arrabbiato, è solo sua la colpa,
perché non ti ha mai detto niente di carino su di me.
Eppure lo vede che io giorno dopo giorno mi consumo!
Le dirò che sento un battito alla testa e nelle gambe,
così da farla stare male come sto male io.
O Ciclope, O Ciclope, dove è volato il tuo senno?
Vai, intreccia canestri e porta germogli alle agnelle,
per te così sarebbe molto meglio!
Mungi quella che hai, perché vai dietro a chi fugge da te?
Troverai una Galatèa ancora più bella.
Tante sono le fanciulle che di notte mi invitano a giocare
e cinguettano tutte, quando presto ascolto a loro.
Perché è chiaro che anche io in questa terra sono qualcuno!»



Così Polifemo pasceva il suo amore con il canto e se la passava meglio di come sarebbe stato se avesse speso del denaro per farmaci e unguenti!






Note linguistiche


A livello linguistico Teocrito fu un abilissimo sperimentatore. Si pensi soltanto all'utilizzo del dialetto dorico all'interno di esametri omerici. L'effetto doveva sicuramente risultare strano, soprattutto per l'uso del metro eroico nel contesto di un genere letterario abbastanza lontano dalla solennità dell'epica.
Qui sotto fornisco alcune corrispondenze fra le forme doriche e le forme attiche:


V.1 πὸτ τὸν = att. πρὸς τὸν

V. 2 ἐμὶν = att. ἐμοί

V. 3 ταὶ = att. αἱ



ἁδύ =att. ἡδύ



V. 5 τυ = att. σύ cfr. lat. tu



V. 7 ἁμῖν = att. ἡμῖν


V. 8 ὅκ᾽ = att. ὅτε

τᾶς = att. τῆς


V. 9 τὼς κροτάφως = att. τοὺς κροτάφους
si tratta dell'accusativo plurale dei sostantivi della seconda declinazione
  1. 12 ποτὶ =att. πρός




V. 16 μεγάλας = att. μεγάλης



οἱ = αὐτῶι



V. 20 ποτιδεῖν = att. προσοράω



V. 21 μόσχω = att. μόσχου
si tratta del genitivo singolare dorico dei nomi della seconda declinazione



V.23 ὅκκα =att. ὅτε



V. 25 τεοῦς =att. σοῦ


ἁνίκα πρᾶτον = ἡνίκα πρῶτον



V. 26 ἦνθες = ἦλθες



V.26 θέλοισ᾽ = θέλουσα



V.28 πᾳ = att. πῃ

  1. 37 ἄκρω = att. ἄκρου

  1. 38 Συρίσδεν = att. συρίζειν

V.45 ντὶ = εἰσί


V.55 τεῦς = att. σοῦ

ποτὶ τὶν = πρὸς σέ



V.60 μαθεῦμαι = si tratta di un futuro dorico di μανθάνω


V.67 μάτηρ = att. ἡ μήτηρ cfr. lat. mater

μόνα =att. μόνη


V.68 μευ = μου


V.69 ἆμαρ = ἦμαρ

V.78 κιχλίζοντι = κιχλίζουσι

V. 81 μουσίσδων = μουσίζων



Commenti

  1. solo una cosa, segnala la particolarità al v. 6 di Μοίσαις che presenta un vocalismo differente dalla corrente dizione attica in ou

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari