Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

BELLEZZE DELLA LIRICA GRECA ANTICA
Patrick Manuello

L'acqua è il bene supremo. L'oro scintillante come una fiamma che s'accende nella notte, oscura ogni altro vertice di ricchezza. Se tu vuoi celebrare i giochi, mio cuore, non cercare nella luce diurna, nel deserto cielo, un astro più ardente e luminoso del sole: no, non credere di poter cantare un agone più grande di quello di Olimpia” (trad. di G. Bonelli)
Con questi versi solenni e dalla sintassi complessa si apre la Prima Olimpica di Pindaro, ode composta per la vittoria di un corsiero delle scuderie di Ierone di Siracusa nel 476 a. C.. Ci sorprende la precisione dei tratti, il soffermarsi sui colori, sulla luce potente – allora come oggi – della terra ellenica. Il poeta celebra Olimpia riferendosi all'abbagliante luce del sole, immagine che in maniera suggestiva richiama “l'oro scintillante” come un fuoco che illumina l'oscurità della notte. Pochissime immagini, dunque, ci mettono davanti ad un mondo sco…

Ultimi post

LA FORTUNA DI KAVAFIS IN MONTALE